Quel mazzolin - Dergano - 20158

Visto per l'ultima volta: 20 giorni fa

Quel mazzolin si occupa di piante da compagnia, composizioni ed esperimenti floreali, tutti realizzati a casa. Ci piace pensare i kokedama, tecnica con cui lavoriamo sin dal 2014, come se le piante si ribellassero ai vasi corti, di plastica, poco carini e per niente amichevoli e decidessero di intraprendere una nuova strada (di rivincita, libera e poetica, tralasciando tutte le dicerie, seppellendo tutti i dolori) e restassero con tutte le loro radici pronte a scappare da tutte le parti della palla di muschio che serve come una dolce dimora, un rifugio. Il formato dei kokedama può essere differente ma in origine e a seconda della tradizione ricorda e richiama altre forme potenti della natura: un uovo, un nido, una conchiglia, un chicco, un bulbo, un grembo, una gemma, una promessa. L'arte del kokedama ci parla sempre della grande e straordinaria storia dell'arte dei bonsai, seppure tradendola, con grazia, con leggerezza. I kokedama rappresentano il volto buono del giardiniere goffo. Sono lì a dirci C'è ancora tempo, Non è tardi, La vita attecchisce, Calmati, Ti faccio un fiore, Ti rubo un sorriso, Ti seguirò, tesoro mio. E poi restano ancora altre dimensioni del creare un kokedama e del prendersene cura. E' sempre un atto terapeutico, un momento di rallentamento, di attenzione accurata, di gesti delicati e lenti. I minuti dedicati alla cura del kokedama si aprono in mille facce, un piccolo infinito: gli si può parlare e ascoltarlo, condividere ansie e impressioni, suggerimenti e richieste. Alla fine - o meglio, in mezzo a tutto - ecco l'elogio al provvisorio, al deperibile, all'imperfetto, a quello che ora c'è e può scomparire all'improvviso. Il kokedama è una metafora della vita e dei suoi meandri: le sue pieghe sono preziose.

Membro dal 16 Gennaio 2021 Mostra [email protected] Carnevali 20158, Milano, Italia

Questo sito utilizza cookie, anche di proprietà di terze parti, che consentono di mostrare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente. Continuando la navigazione si considera accettato tale uso. Leggi l’informativa cookie, in essa sono indicate anche le modalità con cui potrai disabilitarli